Archivi tag: indicatori di prestazione

benchmarking analisi comparativa

Benchmarking: la crescita deriva dal confronto

 

Il significato di benchmarking è “analisi comparativa” e deriva dal termine “benchmark”, che in inglese significa “segno di riferimento”.

In economia, il benchmarking è l’analisi comparativa volta a migliorare le performances aziendali. La comparazione può avvenire tra l’azienda e le sue principali concorrenti, oppure tra diversi settori della stessa azienda, o ancora tra aziende in tutto o in parte diverse.

In ogni caso, il benchmarking consiste nel confronto con elementi esterni che consente di elaborare strategie e processi di crescita, evoluzione e miglioramento.

Esistono diversi tipi di benchmarking:

  1. il benchmarking interno, nel quale la comparazione interessa diversi settori della stessa azienda;
  2. il benchmarking competitivo, che sussiste nel confronto tra competitors, o aziende concorrenti;
  3. il benchmarking funzionale, o confronto tra processi simili di organizzazioni diverse, volto a trovare soluzioni innovative;
  4. il benchmarking globale, che consiste nel confronto tra processi diversi di organizzazioni diverse volto a individuare le migliori soluzioni presenti sul mercato, che vanno poi studiate ed adattate al caso di specie.

Al fine di poter operare il confronto o analisi comparativa, si procede ad individuare gli “indicatori di prestazione chiave” (detti “KPI” che è l’acronimo di Key Performance Indicators), ovvero i fattori che caratterizzano i processi aziendali. Possono individuarsi KPI per misurare e raffrontare prodotti, servizi, procedure ed operazioni aziendali e gli indicatori possono riferirsi a diversi fattori come ad esempio qualità, costi, tempistiche ecc.

Successivamente, si provvede a valutare i vari KPI assegnando agli stessi un punteggio.

Il punteggio dev’essere sempre espresso nella stessa unità di misura, il che consente, a fine analisi, di operare il confronto.

Il confronto non è fine a se stesso, ma è la base per elaborare dei processi migliorativi all’interno dell’azienda, naturalmente dopo avere esaminato la fattibilità delle migliorie da introdurre.

Il benchmarking è quindi utile a migliorare le prestazioni aziendali, uniformandosi alle best practices di settore ed individuando i più opportuni investimenti da intraprendere.

Concludendo: per la crescita di un’azienda è utile e fondamentale il confronto o analisi comparativa, attraverso il benchmarking.

Se ti è stato utile questo articolo, condividi, fai “like” e segui Agapeuno Team sui Social, dai bottoni in alto a destra.