Archivi autore: Maria Teresa Cantafora

Informazioni su Maria Teresa Cantafora

Benvenuto su Linkami! Internet è come l'oceano e chi fa informazione sul web è come una nave che ti trasporta per un breve o lungo tragitto. Spero che tu possa trovarti bene nella lettura del nostro blog raggiungendo la destinazione che più desideri. Enjoy!

modelle e Photoshop

Modelle e Photoshop

Se anche a te piace sperimentare con Photoshop, guarda quale fotoritocco ho applicato alla foto di modelle nell’illustrazione sopra…

In origine, avevo a disposizione la foto di un’unica modella in vestito da sera, che ho riprodotto (mouse dx su livello – duplica livello) riflettendola come in uno specchio (modifica – trasforma – rifletti orizzontale). Così facendo, ho ottenuto due modelle identiche.

Per diversificare il viso delle due modelle, ho inserito sotto la foto originaria un’altra foto (file – inserisci incorporato) con un volto. Poi, ho posizionato il volto sottostante in corrispondenza esatta del viso di una delle due modelle (strumento sposta e poi modifica – trasforma – scala). A questo punto, cancellando il viso originario, ho portato alla luce quello sottostante (strumento gomma).
Lascio intuire a te quale tra i due nell’illustrazione sia il volto modificato con questa tecnica…

Questo stesso procedimento usato per diversificare il viso può tornare utile in molte altre situazioni. L’esempio tipico è quello delle foto di gruppo, dove qualcuno inevitabilmente viene ritratto ad occhi chiusi, “rovinando” la foto. Bene, conoscendo questa tecnica, per correggere le foto di gruppo basterà fare più scatti e poi, in fase di postproduzione, sovrapporre le due foto migliori e sostituire occhi chiusi e occhi aperti con la gomma.

Per diversificare l’abito delle due modelle, ne ho modificato il colore e lo stesso ho fatto con i capelli (strumento selezione rapida per selezionare l’area da colorare, poi finestra – regolazioni – tonalità/saturazione).

Come spesso capita, la foto originaria era molto pixelata). Ho applicato il filtro per dare nitidezza (filtro – nitidezza – nitidezza avanzata).

Poi ho voluto aggiungere un filtro che simula l’effetto di luci colorate, pervenendo alla foto di destra (quella gialla con i riflessi rossi e blu). A differenza del filtro fotografico tradizionale (finestra – regolazioni – filtro fotografico), quello che ho usato non è uniforme, ma presenta sfumature di vari colori (finestra – regolazioni – mappa sfumatura).

Dal vivo, le modelle devono apparire perfette, ma con Photoshop non è così. Si può pervenire ad ottimi risultati con un pò di fotoritocco.

Spesso si leggono critiche contro il fotoritocco e le sue tecniche, atte ad alterare le caratteristiche fisiche. In realtà, lo scopo non è quello di “ingannare”, ma di armonizzare e creare qualcosa di bello ed originale. Con Photoshop, si possono realizzare foto artistiche di grande effetto; il fotoritocco implica un mix di tecnica, passione, ispirazione e creatività, costituendo quindi una vera e propria arte.

Segui Webmaster Roma Agapeuno Team se ti è piaciuto questo articolo su “modelle e Photoshop”!

Photo Retouching Fotoritocco

Fotoritocco totale con Photoshop

Il Fotoritocco con Photoshop consente di apportare ai ritratti una gamma di correzioni praticamente illimitata: si va dall’eliminazione delle imperfezioni con effetto naturale (fotoritocco beauty), fino allo stravolgimento totale dei lineamenti.

Nell’illustrazione in alto, puoi vedere un esempio di fotoritocco totale, applicato sulla foto di partenza (“before”), per arrivare al risultato finale (“after”).

→ Quali sono le tecniche Photoshop per attuare un cambiamento così radicale del volto ritratto?

  • Lo strumento più potente per la correzione dei lineamenti è il filtro “fluidifica”. Riproporzionare un volto, così come correggere, ingrandire o ridurre un singolo elemento di esso non è un problema, grazie all’utilizzo del filtro fluidifica. Questo filtro può essere usato tanto per il fotoritocco del volto (vedi come usare strumento fluidifica per rimpicciolire il naso), quanto per altre correzioni come lo snellimento del corpo, a cui frequentemente si ricorre nelle foto pubblicitarie.
  • Per lavorare sul chiaroscuro e scolpire i tratti del volto, è preziosa la tecnica degli strumenti “scherma” e “brucia”, che permette di schiarire o scurire in modo naturale alcuni particolari, ad esempio, illuminando l’iride, definendo le sopracciglia, evidenziando gli zigomi con un gioco di ombre e luci, ecc. Per apprendere come usare “scherma” e “brucia”, vedi come fare fotoritocco degli occhi. In alcuni casi, può essere utile anche sapere come applicare un make up digitale sul ritratto.

L’utilità di un fotoritocco “totale” come quello in figura è generalmente quella di poter liberamente modificare l’immagine base. Paradossalmente, con l’evoluzione della fotografia digitale, talvolta può risultare molto più veloce e pratico adattare direttamente la foto, piuttosto che intervenire realmente sul soggetto ritratto, con trucco o altri espedienti.

Se ti è piaciuto questo articolo, segui #Agapeunoteam sui Social (dai bottoni in alto a destra) per restare aggiornato.

E buon divertimento con Photoshop, il fotoritocco beauty ed il fotoritocco totale!

Come disegnare oggetti con Illustrator - mela

Come disegnare un oggetto con lo strumento curvatura in Adobe Illustrator

In Adobe Illustrator è ora disponibile lo strumento curvatura, che permette di disegnare delle forme tracciando linee rette e curve regolabili.

Disegnare un oggetto con lo strumento curvatura è più rapido che assemblare le singole forme geometriche per comporre una figura.  Lo strumento curvatura è duttile e più facile da usare rispetto allo strumento penna (che consente di tracciare solo linee rette, che si possono curvare ricorrendo ai punti di ancoraggio) ed allo stesso tempo, permette di creare un tracciato che si può modellare, spostare, colorare, in un solo click.

Con il metodo dello strumento curvatura, è facile e veloce creare disegni e sagome dalla forma realistica, anche riproducendo un oggetto vero. Puoi creare nuove immagini per illustrazioni, cover, loghi, grafiche web, banner pubblicitari ecc.

Vediamo come disegnare un oggetto con lo strumento curvatura.

(Se ti occorre, prima di iniziare, vedi come scaricare Illustrator, come creare nuovo documento con Illustrator e come annullare, inserire testo e lavorare con i livelli con Illustrator).

1. Se vuoi disegnare un oggetto riproducendolo da un’immagine esistente, con “File – Inserisci“, seleziona dal tuo computer l’immagine dell’oggetto che vuoi riprodurre. Nell’illustrazione, come vedi, ho scelto una mela rossa.

2. Seleziona lo strumento curvatura nella barra strumenti a sinistra (icona con penna e linea curva).

3. Prima di iniziare ad utilizzare lo strumento curvatura, di norma, scegli il colore della traccia ed azzera il colore del riempimento. Questo ti serve a disegnare solo il contorno. Puoi modificare i colori di traccia e riempimento:

  • dai menu in alto
  • dai menu a sinistra mediante i due quadratini colorati (quello della traccia va portato sopra per modificarlo)
  • da menu “Finestra” – colore – pannello “colore” a destra

4. Ora clicca per rilasciare dei puntini con i quali creare il contorno della tua figura. Se hai caricato un’immagine da ricalcare, seguine il contorno.

5. Prosegui rilasciando i puntini lungo tutto il contorno dell’immagine. nel farlo, nota che:

  • le linee che si generano possono essere trasformate da curve in rette con doppio click sul puntino corrispondente!
  • non è possibile creare tracciati “aperti”: devi necessariamente “chiudere” il tracciato, ritornando alla fine sul puntino di partenza.

6. Ultimato il tuo tracciato, selezionalo con lo “strumento selezione”  (freccia nel menu laterale sinistro) e scegli il colore del riempimento e della traccia.

7. Mentre il tracciato è selezionato con lo strumento selezione, puoi modellarlo e modificarne la forma. Questa opzione è comodissima, perché puoi introdurre aggiustamenti anche dopo aver creato il tracciato!

10. Completa l’illustrazione disegnando altri tracciati con lo strumento curvatura (nel disegno in alto, ad esempio, ho creato un nuovo tracciato con la foglia).

11. Per rifinire, aggiungi delle sfumature con lo strumento pennello.

Ecco fatto! Con questo semplice procedimento puoi dare vita ad originali illustrazioni, immagini per cover, loghi e immagini vettoriali, illustrazioni, grafiche per banner pubblicitari e molto altro ancora. Basta usare immagini altrui: crea le tue in pochi click e personalizza il tuo sito, il tuo blog, il tuo profilo Facebook ecc.

Se ti è piaciuto questo articolo, condividilo e segui #Agapeunoteam sui Social dai bottoni in alto a destra, per restare aggiornato sulle ulteriori novità.

Buon divertimento con la creazione di nuove grafiche, immagini, loghi e illustrazioni, ora che sai come disegnare un oggetto con lo strumento curvatura in Adobe Illustrator!

Welcome Benvenuto Bienvenue Willkommen Bienvenido

3 punti in comune tra Photoshop e Illustrator: possibilità di inserire testo sull’immagine, lavorare con i livelli e annullare

Sia su Photoshop che su Illustrator esiste la possibilità di:

1) inserire testo sull’immagine

2) lavorare con i livelli

3) annullare azione compiuta.

Si tratta di tre funzioni comuni e fondamentali per impostare qualsiasi lavoro, tanto su Photoshop quanto su Illustrator.

 

1 – Come inserire testo sull’immagine in Photoshop e Illustrator

In Adobe Photoshop e Illustrator, inserire del testo sull’immagine (grafica, illustrazione, foto ecc.) è semplicissimo:

  • seleziona lo strumento di testo “T” presente nella barra strumenti sulla sinistra dello schermo

  • regola carattere e dimensione dagli appositi menu in alto

  • traccia sul tuo documento un rettangolo per contenere il testo stesso

  • digita il testo desiderato

  • se digiti ma non vedi il testo, accade perché:

1) il carattere selezionato è troppo grande rispetto al rettangolo tracciato (ingrandisci il rettangolo, poi puoi selezionare e ridurre il testo dal menu in alto)

2) hai creato il livello corrispondente al testo al di sotto di un altro livello, che lo copre. Occorre spostare in alto il livello del testo, come di seguito indicato.

 

Nell’illustrazione in alto, il testo nei palloncini è stato anche leggermente ruotato. Per farlo, basta andare con il mouse accanto ad uno degli angoli del box di testo e girare seguendo la doppia freccia che appare.

 

2 – Come lavorare con i livelli in Photoshop e Illustrator

Il punto fondamentale per capire come funzionano Photoshop e Illustrator è sapere che ogni progetto si sviluppa su diversi livelli.

L’immagine finale è la risultante proprio della sovrapposizione dei livelli stessi.

Ai fini del risultato complessivo, è quindi importante l’ordine in cui i livelli sono inseriti, così come sono importanti la maggiore o minore opacità, trasparenza, densità e riempimento di ciascun livello.

 

Ad esempio, nell’illustrazione in alto, i palloncini hanno un’opacità del 24%, mentre le scritte hanno un’opacità del 100%. Ecco perché il palloncino è semitrasparente e le scritte sono ben definite.

 

Visualizzare i vari livelli: vai in alto su “Finestra” e seleziona “livelli” e gli stessi ti appaiono tra gli strumenti sulla destra.

In Illustrator, clicca la freccina accanto al primo livello per visualizzare così i livelli sottostanti (freccia rivolta di lato: livelli sottostanti nascosti / freccia verso il basso: livelli sottostanti visibili).

 

Spostare l’ordine dei livelli: seleziona un livello e trascinalo al di sopra o al di sotto degli altri.

Per selezionare un livello, spunta il pallino accanto ad esso (in Illustrator) o clicca su di esso (in Photoshop). Quando il livello è selezionato, puoi trascinarlo sopra o sotto gli altri livelli.

 

Nascondere un livello: clicca sull’icona “occhio” accanto al livello stesso. Per scoprire nuovamente il livello, clicca di nuovo sull’icona “occhio”.

 

Rinominare il livello: doppio click sul livello stesso. Rinominare il livello può essere comodo per contraddistinguerlo rispetto agli altri.

 

Bloccare un livello: click sul lucchetto accanto al livello stesso. Per sbloccare il livello, cliccare nuovamente sul lucchetto.

In Illustrator, il lucchetto non si vede ma si trova vicino all’icona “occhio”.

  • In Illustrator, bloccare un livello è utile, in genere, per selezionare tutti gli elementi che compongono l’illustrazione e spostarli, ma senza selezionare (e quindi senza spostare) il livello bloccato. Ad esempio, nell’illustrazione in alto, creata con Illustrator, ho realizzato il palloncino centrale e l’ho riprodotto per creare i due palloncini laterali identici. Per fare questo, ho selezionato il palloncino centrale evidenziando tutti gli elementi con lo strumento seleziona (freccia nella barra a sinistra) tranne la scitta “agapeunoteam.com”, che ho bloccato con il lucchetto. Una volta selezionato l’insieme di livelli, ho fatto “modifica – copia” e “modifica – incolla”. I palloncini laterali sono la copia perfetta di quello centrale. Ne ho solo cambiato i colori e li ho leggermente ruotati.

  • In Photoshop, bloccare un livello può essere utile per unire tra loro tutti i livelli tranne quello (menu livello – unisci visibili). Unire i livelli serve per applicare su di essi particolari effetti.

 

3 – Come annullare in Photoshop e Illustrator

Vai in alto su “Modifica” e scegli annulla. Per annullare i passaggi ancora precedenti:

  • in Photoshop seleziona “indietro”, sempre sul menu “Modifica”.

  • In Illustrator seleziona sempre “annulla” dal menu “modifica” (il programma specifica volta per volta qual è l’azione che si annulla).

Vuoi realizzare anche tu una semplice grafica come quella qui sopra, creata con Adobe Illustrator? Segui le indicazioni di questo blog per scaricare Illustrator, poi crea nuovo documento, combina semplici forme geometriche e rifinisci usando i pennelli. L’effetto è assicurato!

Se questo articolo ti è stato utile, segui #Agapeunoteam sui Social (i bottoni Facebook, Google+, Twitter e Linkedin sono in alto a destra su questa pagina).

Lavora in modo più soddisfacente su Photoshop e Illustrator, ora che hai imparato come inserire testo sull’immagine, lavorare con i livelli ed annullare!

come usare pennello Adobe Illustrator

Come usare lo “strumento pennello” in Adobe Illustrator

Adobe Illustrator ti offre molteplici strumenti per esprimere la tua arte grafica ed uno di questi è il pennello: vediamo come usarlo!

Il modo più semplice per usare il pennello in Adobe Illustrator è quello di selezionare lo “strumento pennello” presente nella barra degli strumenti a sinistra (come evidenziato nell’illustrazione) e disegnare a mano libera.
Nell’illustrazione in alto, le linee color arancio sono state tracciate a mano libera con il pennello.

Per disegnare a mano libera con il pennello, clicca e trascina.

Per regolare colore, dimensione, profilo e definizione del pennello, usa le funzioni in cima allo schermo (impostazioni in alto evidenziate nell’illustrazione, che consentono di scegliere colore, spessore e tipologia del pennello).

Inoltre, con Adobe Illustrator, puoi ricalcare con il pennello una traccia preesistente (linee, curve ecc.).

Nel caso di specie, come puoi vedere nell’illustrazione, ho tracciato un rettangolo verde chiaro con l’interno verde più scuro e successivamente ho ricalcato il suo contorno (traccia verde chiaro) con un pennello.

Per ricalcare una traccia preesistente, occorre prima di tutto che selezioni la traccia da ricalcare con lo “strumento selezione” (freccia nella barra strumenti a sinistra).
Poi, una volta selezionata la traccia, scegli uno tra i vari pennelli disponibili, cliccando sull’icona “pennelli” a destra.

Quando clicchi sull’icona “pennelli”, ti si apre una tavola con vari tipi di pennelli tra cui scegliere.
Scegli il pennello… e la traccia selezionata si trasforma in una pennellata!

In più, come evidenziato in figura, cliccando sulla freccina posta in cima a destra della tavola pennelli, puoi aprire la biblioteca dei pennelli, dove trovi tantissime ulteriori varietà: pennelli artistici (tra cui acquerello, inchiostro, carboncino, gessetto e altri), bordi, frecce, pennelli decorativi, pennelli vettoriali ecc.

In pratica, puoi trasformare in dipinto qualsiasi traccia!
Nell’illustrazione, le pennellate color arancio, sono state realizzate con pennelli a mano vettoriali e pennelli grunge vettoriali (li puoi trovare nella biblioteca pennelli, nei “pacchetti vettoriali”).

Con la tecnica descritta, benché di semplice esecuzione, si possono ottenere splendidi lavori di digital paiting!

Puoi a creare quadri digitali astratti, disegni digitali a carboncino, illustrazioni disegnate a mano libera, trasformare in pittura digitale una semplice linea, una forma geometrica, un disegno e molto altro… ora che sai come utilizzare il pennello in Adobe Illustrator!

Segui #Agapeunoteam sui Social, dai bottoni in alto a destra per rimanere aggiornato sui nuovi articoli e… Buon divertimento con Adobe Illustrator!

come creare figure con gli strumenti forma in Adobe Illustrator

Come creare una figura con gli “strumenti forma” in Adobe Illustrator

Come realizzare una figura in Adobe Illustrator?

Uno dei modi più semplici per creare un’immagine in Adobe Illustrator è quello di combinare tra loro delle figure geometriche, utilizzando gli “strumenti forma”.

 

La necessità di ricorrere a questa tecnica (non del tutto intuitiva), risiede nel fatto che Adobe Illustrator è un programma di grafica vettoriale e le immagini vettoriali sono ottenute dalla combinazione di linee e curve.

Ne deriva che, per realizzare figure con Illustrator, a partire da quelle semplici, fino a quelle più complesse, occorre saper padroneggiare gli “strumenti forma”.

 

Creiamo insieme una figura costituita dalla connessione di più forme geometriche, con gli strumenti forma disponibili su Illustrator.

Per svolgere questa esercitazione è necessario scaricare Adobe Illustrator.

 

Come comporre una figura con gli “strumenti forma” in Adobe Illustrator

Prima di tutto crea nuovo file e poi:

    • Scegli una Forma dal Menu “Strumenti Forma” (icona con rettangolo indicata dalla freccia fucsia nell’illustrazione, nella barra strumenti a sinistra): vai col mouse sullo strumento rettangolo e si aprirà un menu a discesa con i vari “strumenti forma” a disposizione (in più, se, lasciando premuto il mouse, scorri verso destra fino alla piccola freccia sul bordo del box, apri un mini pannello con tutti gli strumenti forma a vista): seleziona lo strumento forma che preferisci, ad esempio il rettangolo.

 

    • Scegli il colore del riempimento e della traccia: Allo strumento forma è associato sia un colore di riempimento, regolabile dal menu a tendina in alto (quadratino colorato sotto a “modifica”) che un colore di traccia (contorno della figura), regolabile dal menu a tendina in alto (cornice colorata sotto a “oggetto”); seleziona un colore di riempimento (cliccando sulla freccia accanto al quadratino colorato in alto si apre il menu con i campioni di colore / oppure apri la tavolozza dal menu strumenti sulla destra e scegli un colore a piacere); poi regola il colore della traccia nello stesso modo, utilizzando il menu con la cornice: in questo caso, optiamo per l’esclusione della traccia, cliccando sul quadratino con lo slash rosso (è anche possibile escludere il colore del riempimento anziché quello della traccia, per creare una forma trasparente con il contorno colorato).

 

    • Traccia la forma: tenendo premuto il mouse, trascinalo per tracciare la forma prescelta sul piano di lavoro.

 

    • Modifica la forma: attiva lo strumento selezione (prima freccia in alto nel menu strumenti sulla sinistra dello schermo) e noterai che la forma è racchiusa in un box, che ti consente di spostare la figura e/o ridimensionarla, semplicemente trascinando i bordi e/o gli angoli con il mouse; mentre la forma è selezionata, puoi anche cambiare il colore; in più, mentre la forma è selezionata, puoi ruotarla; per ruotare la figura, devi posizionare il mouse esternamente alla figura ed accanto ad uno dei suoi angoli ed apparirà una doppia freccia, che ti consentirà la rotazione della forma.

 

    • Ora crea diverse forme con gli strumenti forma, colorale e combinale tra loro per ottenere una figura unitaria. Per spostarle e adattarle, segui i passaggi visti al punto 4. Nell’illustrazione in alto, puoi vedere che ho costruito la figura di uno smartphone semplicemente combinando tra loro alcune forme geometriche realizzate con gli strumenti forma di Adobe Illustrator.

 

    • Salva con nome dal menu “file” l’immagine che hai realizzato.

 

  • In più, puoi esportare l’immagine in formato PNG e/o jpeg, sempre dal menu File, scegliendo “esporta”, selezionando il formato prescelto nel menu a tendina sulla finestra di dialogo e confermando con “ok”.

 

Se sei riuscito a creare delle forme, a colorarle, modificarle e ruotarle, allora l’esercitazione è riuscita. Complimenti!

Se hai domande o commenti, chiama o scrivi dai contatti nel sito #Agapeunoteam.

 

Se ti è piaciuto questo articolo, esprimilo con un Facebook like e condividi questa pagina dai bottoni Social in alto a destra. Buon divertimento, con la creazione di figure personalizzate e l’utilizzo degli strumenti forma in Adobe Illustrator!

come creare nuovo documento con Adobe Illustrator

Come creare un nuovo documento con Adobe Illustrator

Abbiamo visto come scaricare Adobe Illustrator: ora, occorre capire come usarlo!

Prima di tutto, vediamo come creare un nuovo documento su Adobe Illustrator, ovvero come compiere il primo passo per avviare la realizzazione del tuo nuovo progetto grafico!

Per creare un nuovo documento con Adobe Illustrator, procedi come mostrato nella grafica qui sopra, ovvero:

1. dal menu File (in alto) scegli Nuovo;

2. seleziona le impostazioni nella finestra di dialogo come segue:

  • personalizza il campo “nome” / oppure lascialo senza titolo (per poi nominare il documento alla fine, quando lo salverai con nome);

  • lascia il profilo già selezionato di default (“personale”) / oppure scegline uno adatto al tuo progetto (ad esempio, se crei un nuovo file destinato alla stampa, puoi scegliere il profilo “stampa”, che ha opzioni avanzate specifiche per la stampa e diverse rispetto a quelle presenti per il profilo “web”);

  • lascia “1” come numero delle tavole da disegno (ma quando avrai dimestichezza con Illustrator, potrai creare documenti con più tavole);

  • regola la dimensione del documento, utilizzando quella di default (“A4”) o selezionandone un’altra dal menu a tendina (i valori di larghezza ed altezza del documento sono preimpostati per ciascun formato), oppure scrivendo manualmente i valori di larghezza ed altezza negli appositi campi (in luogo dei valori preimpostati);

  • nel menu a tendina “unità” scegli l’unità di misura preferita per impostare largezza ed altezza del documento (a volte capita di dover creare un’immagine di una misura specifica, espressa ad esempio in pixel: in questo caso, ti basterà scegliere “pixel” come unità e poi scrivere negli appositi campi larghezza ed altezza richieste per il tuo progetto);

  • scegli l’orientamento del tuo foglio di lavoro (verticale o orizzontale);

  • se hai l’esigenza di stampare solo su una parte del foglio, regola i margini dagli appositi menu in basso sulla finestra di dialogo; cliccando sul simbolo della catena, puoi vincolare le misure dei margini destro, sinistro, superiore e inferiore, rendendole tutte uguali tra loro;

  • cliccando su “avanzate” trovi impostazioni avanzate diverse a seconda del profilo prescelto (ad esempio, per l’immagine destinata alla stampa, di default si avrà una maggiore definizione rispetto a quella per l’immagine destinata al web).

3. Una volta regolate le impostazioni come desideri, clicca ok per confermare: il nuovo documento sarà creato!

In pochi secondi, visualizzerai il nuovo documento (foglio bianco) sullo schermo, pronto per la realizzazione del tuo progetto grafico.

In qualsiasi stadio di realizzazione del progetto (anche ora che hai semplicemente aperto il nuovo file), puoi salvare il documento andando su FileSalva con nome. Così, potrai successivamente riaprire il file e proseguire il tuo lavoro.

Per commenti e domande, segui e contatta #Agapeunoteam sui Social dai bottoni in alto a destra.

Ora abbiamo imparato come creare un nuovo documento su Adobe Illustrator: nei prossimi articoli vedremo, passo dopo passo, come usare il programma per creare favolose grafiche per la stampa ed il web.

come creare silhouette con Photoshop

Come creare una silhouette con Photoshop

Ti chiedi come creare una silhouette con Photoshop?

Forse è capitato anche a te di vedere le illustrazioni realizzate con sagome! Di solito di tratta di silhouette nere di uomini o donne in pose atletiche o fotografiche, ma sono frequenti anche le illustrazioni con silhouette di animali o anche di oggetti. Creare un’illustrazione con una silhouette è possibile utilizzando Photoshop.

Lo sfondo dell’illustrazione può essere tanto a tinta unita, quanto multicolore o può anche consistere in una fotografia. In quest’ultimo caso, si può creare un effetto suggestivo, ad esempio, di contrasto, tra la sagoma scura e la foto sovraesposta.

Nell’illustrazione qui in alto, partendo da una comune foto, ho realizzato la silhouette di una donna; poi ho provato ad inserire 4 diversi tipi di sfondo: a tinta unita verde chiaro, con sfumatura radiale, di mattoncini color ciclamino ed infine, con la foto di un tramonto.
Non è così difficile creare con Photoshop delle illustrazioni simili!

La silhouette nera sullo sfondo fotografico è probabilmente la soluzione di maggiore effetto, ma è necessario disporre dei diritti sulla foto, per poterla utilizzare. Oppure, si può usare uno dei tanti sfondi disponibili su Photoshop.

 

Esercitazione su come creare illustrazioni con sagome in Photoshop.

FASE I ~ Preparazione:
1. scegli la foto da cui ricavare la sagoma;
2. scegli il colore oppure la foto da usare come sfondo (per le foto, occhio a non violare alcun copyright!);
3. apri Photoshop (se non lo hai, scarica la versione di prova gratuita di 30 giorni, dal sito ufficiale Adobe: http://www.adobe.com/it/products/photoshop.html ).

FASE II ~ Selezione della figura da cui ricavare la sagoma:
1. apri la foto (file – apri);
2. scegli e clicca su strumento selezione rapida (pennello con cerchio nella barra strumenti a sinistra);
3. passa il pennello (strumento selezione rapida) sull’immagine in questione, per selezionarla: puoi regolare la dimensione del pennello con l’apposito menu a tendina in alto;
4. rendi più precisa possibile la selezione, utilizzando i pennelli con “-” e “+” (tra gli strumenti in alto), che servono per sottrarre o aggiungere porzioni di immagine alla selezione. Più precisa è la selezione, più regolare e rifinito risulterà il profilo della sagoma!

FASE III ~ Colorare la sagoma:
1. dal menu in alto “finestra” seleziona “livelli”; poi fai doppio click su livello di sfondo e sbloccalo; infine, fai click con mouse destro sul livello della tua foto e scegli “duplica livello” (in questo modo, lavorerai su una copia, lasciando inalterato l’originale);
2. dal menu “livello” in alto, seleziona “nuovo livello di riempimento”, poi “tinta unita” e clicca ok;
3. dalla finestra che si aprirà, scegli il colore (ad esempio, il nero, che è un classico per le silhouette) e clicca “ok”. La sagoma si colorerà istantaneamente del colore prescelto!

PS. Per annullare, dal menu in alto “modifica” clicca “indietro”.

FASE IV ~ Perfezionare la sagoma:
1. facilmente noterai che il contorno della tua sagoma è un po’ irregolare. Occorrerà quindi perfezionarlo; per fare ciò, vai sulla destra, clicca sulla silhouette nei livelli a destra (l’immagine della silhouette nei livelli è selezionata quando appare contornata da un rettangolino; in questo caso, riesci a lavorare solo sulla sagoma);
2. ora clicca col mouse destro sul livello della silhouette e scegli “migliora maschera”;
3. nella finestra che si aprirà, vai al menu a tendina “visualizzazione” e seleziona “su bianco”, in modo da visualizzare bene i contorni della sagoma;
4. ora prova a spostare i vari cursori per vedere come ottimizzare il bordo della sagoma; ad esempio, per rendere più regolare il contorno della silhouette, puoi arrotondare il margine, aumentare il contrasto, spostare il bordo; eventualmente, se ti dovesse occorrere un effetto sfumato ai bordi, puoi aumentare il raggio o sfumare il margine; quando hai raggiunto l’effetto desiderato, clicca ok per confermare le modifiche. Ricorda: più regolare è la sagoma, migliore sarà la qualità della tua illustrazione!

FASE V ~ Inserire lo sfondo:
Al di sotto della sagoma, puoi scegliere se inserire uno sfondo a tinta unita, sfumato o una foto.
1. Per inserire sotto la silhouette uno sfondo a tinta unita, seleziona lo “strumento rettangolo” nel menu a destra (icona con rettangolo) e poi regola il colore dal menu a tendina in alto (“Riemp.”); quando inserisci una forma colorata, devi aver cura di togliere la “traccia” (ovvero il contorno) selezionando la casella barrata in rosso, oppure portando a zero il valore delle frecce (il tutto, sempre dalle opzioni in cima allo schermo).
2. Ora disegna il rettangolo bianco o colorato partendo dall’angolo in alto a sinistra e ricoprendo interamente la foto.
3. Fatto il rettangolo, clicca sullo strumento sposta (freccia in alto, nella barra menu a sinistra).
4. Vai al livello rettangolo e trascinalo verso il basso, subito al di sotto del livello silhouette. Photoshop funziona con la sovrapposizione dei vari livelli, quindi è importante l’ordine in cui essi sono collocati (e, di conseguenza, visualizzati). Nel nostro caso, abbiamo la silhouette in cima e quindi visibile; lo sfondo è al secondo posto e, quindi, visibile al di sotto della silhouette. Se lo sfondo coprirà interamente la foto sottostante, questa rimarrà del tutto nascosta.

5. Per inserire uno sfondo sfumato o a fantasia, nascondi il rettangolo che hai appena inserito, cliccando sull’occhio del relativo livello (per ripristinarne la visibilità, ti sarà sufficiente cliccare di nuovo sull’occhio).
6. Ora vai in alto, al menu “finestra” e seleziona “stili”: disegna un rettangolo procedendo come sopra e poi, per colorarlo, seleziona uno degli stili disponibili (oltre a quelli che visualizzi inizialmente, ve ne sono numerosi altri da poter aggiungere, dal menu a tendina nell’angolo superiore destro del pannello “stili”).
7. Se creando il nuovo sfondo hai nascosto la silhouette, ricorda di trascinare il relativo livello nella posizione giusta (livello silhouette sopra / livello sfondo sotto).

8. Ed infine, se vuoi inserire come sfondo una foto, vai in alto su “File” e scegli “inserisci incorporato
9. scegli la foto nel tuo computer ed inseriscila cliccando ok
10. se devi modificare la dimensione della foto, vai al menu in alto “modifica” e scegli “trasforma” e poi “scala”.

Ora non ti resta che completare il tutto inserendo la tua firma ed eventuali didascalie (per inserire testo, vai allo strumento del menu a sinistra con la “T”) e salvare con nome, nel formato che preferisci!

NB. Se salvi l’illustrazione in formato Photoshop (oltre che nel formato che ti occorre, ad esempio, jpeg), potrai successivamente lavorare di nuovo sullo stesso file in Photoshop, modificando ed aggiungendo elementi senza dover partire da zero.

Sei riuscito a mettere in pratica l’esercitazione? Hai realizzato la tua silhouette con Photoshop?
Per mostrare il tuo lavoro, fare domande e ricevere aggiornamenti, contatta Agapeuno Team (Webmaster Roma) sui Social Media attraverso i bottoni in alto a destra.

Visita la pagina Facebook di Agapeuno Team

Divertiti a ideare le tue illustrazioni originali e personalizzate, ora che sai come creare una silhouette con Photoshop!

come cambiare colore foto - Photoshop tonalita saturazione

Come cambiare i colori di una foto in Photoshop regolando tonalità / saturazione

Come cambiare i colori di una foto con Photoshop?

 

La stessa foto può apparire molto diversa se ne modifichiamo i colori!

Con Photoshop, possiamo cambiare i colori di una foto regolando tonalità e saturazione.

 

Regolando tonalità e saturazione in Photoshop è possibile cambiare in modo unitario i colori dell’intera foto, oppure isolare e modificare un dato colore o intervallo di colori.

 

Nell’illustrazione in alto, guarda le differenze di colore tra foto originaria (a sinistra) e foto con i colori modificati (a destra): come vedi, non ho cambiato tonalità in modo uniforme sulla foto, bensì ho operato in modo differenziato sui vari colori, vivacizzando alcuni toni (come il verde dei cespugli), modificandone altri (come il rosso della maglietta, divenuto fucsia) e schiarendone altri (come il colore della pelle o quello dei jeans).

 

Anche tu vuoi fare lo stesso, personalizzando le foto con i tuoi colori preferiti?

 

→ Allora segui questa esercitazione Photoshop, che ti indicherà come cambiare colore ad una foto regolando tonalità / saturazione. Puoi utilizzare una qualsiasi foto a tua scelta ed eseguire i seguenti passaggi.

 

  • Come regolare tonalità / saturazione sull’intera foto – Apri la foto e seleziona dal menu in alto “finestra” e da qui “regolazioni”: dal pannello delle regolazioni che compare a destra dello schermo, clicca sull’icona tonalità / saturazione (icona rettangolino con delle piccole linee verticali nella parte superiore). Sposta i cursori che regolano tonalità, saturazione e luminosità, per cambiare questi fattori sull’intera foto.

 

    • Come ripristinare le impostazioni di partenza – Per annullare, clicca sull’icona con la  freccia posta infondo al riquadro “proprietà” (vicino all’icona con l’occhio).

 

  • Come colorare tutta la foto di un’unica tonalità prescelta – Spunta la casella “colora” posta sempre nel riquadro delle proprietà e regola nuovamente i fattori tonalità, saturazione e luminosità, per ottenere la versione monocromatica della tua foto (a seconda della tonalità prescelta, puoi ottenere una foto nei toni del rosso, del verde, del blu ecc.). Per ripristinare le impostazioni di partenza, procedi come descritto al punto 2.

 

  • Come regolare tonalità / saturazione isolando un solo colore o range di colori – Vai al menu a tendina in cima al riquadro proprietà e in luogo di “composita”, che risulta selezionato di default, scegli “rossi”, o “gialli”, o “verdi” ecc., per modificare uno solo dei colori della tua foto. In tal modo, i cursori tonalità / saturazione andranno a incidere solo sul range di colori selezionato. Puoi ampliare o restringere l’intervallo o range di colori interessato dalle modifiche, regolando manualmente la barra grigia nella doppia striscetta colorata (posta infondo al riquadro “proprietà”). Estendi la barra ai colori che vuoi includere e viceversa. Per ripristinare le impostazioni di partenza, procedi come descritto al punto 2.

 

  • Come regolare tonalità / saturazione isolando un colore identificato direttamente cliccando sulla foto – Clicca sull’icona con mano e frecce (accanto al menu a tendina “composita”) e posiziona il cursore (che visualizzerai sotto forma di un contagocce) sul punto della foto con il colore prescelto; a questo punto: i) con mouse sx premuto, trascina a destra o sinistra per regolare la saturazione; ii) con il mouse sx premuto, clicca Ctrl e contemporaneamente trascina a destra o sinistra per regolare la tonalità. Puoi ampliare o restringere manualmente il range di colori interessato dalle modifiche, regolando la doppia striscetta colorata (posta infondo al riquadro “proprietà”). Per ripristinare le impostazioni di partenza, procedi come descritto al punto 2.

 

  • Trucco per eliminare solo alcune modifiche – Se il colore che hai prescelto interessa vari elementi della foto, potresti ottenere modifiche di colore estese involontariamente anche ad elementi che dovevano invece restare  inalterati! Ad esempio, nell’illustrazione in alto, il rosso originariamente non interessava solo la maglietta della ragazza, ma era una componente di altri elementi della foto, come il rossetto, il colore della pelle, le venature dei sassi. In tal caso, come fare a cancellare le modifiche di colore non desiderate? Basterà selezionare lo strumento pennello, regolare il nero come colore del pennello e passare sugli elementi dove vuoi annullare e quindi cancellare il cambiamento di colore.

*** Per saperne di più sull’argomento, vedi l’articolodi questo blog sulle 3 tecniche per cambiare colore ad un oggetto senza alterare lo sfondo. Tra le tecniche è presente anche quella più comune, ovvero la selezione dell’oggetto (ad esempio mediante strumento selezione rapida), seguita dalla regolazione della tonalità / saturazione.

 

Sei riuscito a seguire l’esercitazione? Bene! Se vuoi commentare o fare domande, entra sulla nostra pagina Facebook.

Se l’articolo ti è stato utile, puoi esprimerlo con like / follow / share tramite i bottoni dei Social in alto a destra: grazie!

 

Divertiti a personalizzare le tue foto, ora che sai come cambiare i colori regolando tonalità / saturazione in Photoshop.

Photoshop digital makeup - make up digitale

Digital Makeup con Photoshop

Di grande tendenza è il digital makeup o make up digitale, che in generale si ottiene dall’applicazione virtuale sul volto di trucco beauty o effetti speciali cinematografici. Tramite programmi di fotoritocco come Photoshop, si può ottenere il digital makeup per foto pubblicitarie, di moda e ad uso editoriale.

Attualmente, con l’ampio utilizzo del web in ambito lavorativo, la rielaborazione di una foto può essere utile anche per presentarsi online con un aspetto curato e professionale, ad esempio in un curriculum vitae o nel proprio profilo sui Social Media come Facebook, Google+, Linkedin, Twitter. Se lo scopo non è artistico, ma professionale, occorre fare molta attenzione a non alterare i propri connotati, limitandosi a piccole migliorie, inidonee a trarre in inganno l’interlocutore sulle nostre caratteristiche.

Ciò che spicca nel trucco digitale professionale, così come nel fotoritocco professionale, è il netto cambiamento migliorativo ottenuto, unitamente all’assoluta naturalezza del risultato finale, che dev’essere realistico e non contenere nulla di artefatto.
Per creare make up digitali sorprendenti e senza l’antipatico “effetto artefatto”, occorre apprendere e padroneggiare le tecniche di Photoshop, il programma di fotoritocco per eccellenza, che contiene tutte le funzioni necessarie per realizzare uno splendido trucco digitale.

Se non hai Photoshop e vuoi imparare, puoi scaricare la versione di prova gratuita di Photoshop CC valida 30 giorni dal sito ufficiale Adobe cliccando sul bottone “prova”.

Nella foto in alto, ho realizzato un esempio di Photoshop digital makeup. La sfida era quella di riprodurre su di un volto struccato l’effetto di un vero make up.
Missione compiuta, con un trucco digitale semplice e luminoso!

Le diverse tecniche di Photoshop utilizzate per realizzare questo fotoritocco e make up digitale sono riepilogate di seguito, complete di riferimento agli articoli di questo Blog corrispondenti.

1) Photoshop: Cambio sfondo – Ho iniziato con lo “scontorno“, ovvero l’estrazione dell’immagine dal suo sfondo naturale, con inserimento su di uno sfondo a scelta. In questo caso, ho selezionato uno sfondo a tinta unita, color rosso corallo brillante, allo scopo di valorizzare il make up.

Trovi in questo blog la spiegazione delle seguenti tecniche per scontornare o cambiare sfondo all’immagine: maschera, lazo magnetico, penna

2) Photoshop: Effetto “correttore” – Ho realizzato il fotoritocco della pelle, per eliminare le piccole imperfezioni cutanee e rendere omogeneo l’incarnato.

Nel caso di specie, è stata sufficiente una correzione veloce delle imperfezioni cutanee con lo strumento correttivo al volo, ma preziosa per i casi più complessi (acne, imperfezioni diffuse o estese) è la tecnica di fotoritocco avanzato della pelle

3) Photoshop: colorare con il pennello – Il leggero blush ed il colore delle labbra sono stati ottenuti con il pennello Photoshop.

Nel make up digitale, è fondamentale saper utilizzare il pennello di Photoshop, che consente di applicare il colore regolandone l’opacità.

Il pennello di Photoshop può essere utilizzato per applicare blush, ombretto, gloss o addirittura per colorare il viso (hai presente gli Avatar, con la pelle blu?)

4) Photoshop: il trucco con strumenti scherma e brucia – Il punto centrale di questo make up digitale è stato il fotoritocco degli occhi, insieme all’applicazione del gloss per le labbra.

Gli occhi sono stati illuminati e meglio delineati e definiti, con gli strumenti brucia e scherma. Le labbra sono state evidenziate con effetto scherma per dare luce e pennello colorato. Guarda la spiegazione su come realizzare fotoritocco occhi, gloss, illuminante zigomi, ridefinizione sopracciglia e attaccatura capelli

5) Photoshop: aggiunta di testo – Ultima parte, ma non meno importante, è l’aggiunta della tua firma all’opera realizzata. Segui le indicazioni nell’articolo sulle infografiche per inserire del testo sulla foto.

Se già sai utilizzare Photoshop, ti basterà seguire gli step nel riepilogo qui sopra e potrai realizzare subito un fantastico digital makeup!

Se non hai mai utilizzato Photoshop, ma vuoi divertirti a creare degi originali make up digitali, allora scarica Photoshop come indicato sopra e segui passo passo le indicazioni degli articoli linkati nel riepilogo. In più, puoi digitare “Photoshop” nel campo “cerca” in cima a questa pagina ed otterrai l’elenco di tutti gli articoli su Photoshop contenuti in questo blog, ai quali se ne aggiungono periodicamente di nuovi. Nel caso tu avessi necessità di un mini corso online, fammi sapere, scrivendo o telefonando ai contatti di Agapeuno Team.

Ti piace il digital makeup? Segui #Agapeunoteam sulla pagina Agapeuno Team Lavoro Google+ e sulla pagina Webmaster Agapeuno Team Facebook per restare aggiornato sui prossimi articoli relativi a fotoritocco, trucco digitale e tecniche Photoshop.